In ricordo della mia amata Trudina.

I miei amici animali, i miei lavoretti, le mie passioni.

sabato 29 ottobre 2011

Luminarie casalinghe con mandarini ^_^


Immagine


 Immagine 

Lo scorso inverno li ho fotografati, proprio "in extremis" (dato che erano gli ultimi mandarini/mandaranci/clementini della stagione), così da poter avere il materiale fotografico a disposizione per l'inizio della stagione degli agrumi di quest'anno, da mostrarvi.

Questo "lumino profumato" è stato uno dei nostri giochi preferiti che facevamo da piccoli con mia mamma, soprattutto intorno a Natale. Ricordo che la sera della vigilia cantavamo, io e mio fratello, insieme a mamma, una canzoncina o meglio una breve filastrocca, aspettando il BambinGesù, che diceva così:



"Bambinello bello bello, vieni vieni e non tardar, Bambineeeeello beeello beeello, vieeeni vieni e non tardar"


e mettevamo davanti al presepe i lumini di mandarino che avevamo da poco preparato.

Che aspettativa si creava, che atmosfera di magia c'era nell'aria per noi bambini!!!! 
Che bello ricordare!  

I lumini sono facili da fare, ecco come si fa (se avete bambini piccoli o nipotini, ovviamente li taglierete voi) :

scegliete dei mandarini o mandaranci o clementine piuttosto grandi

Immagine

con un coltellino affilato si incide lungo la circonferenza, senza tagliare il frutto internamente.
Poi, delicatamente, si allontana la buccia dal frutto, si estrae il frutto lasciando intatte le due calotte.

Immagine 

Immagine

Con una forbicina si praticano dei taglietti sul bordo di una calottina, in modo da creare una grechina, da cui uscirà la luce e, sempre su questa calottina, si pratica un foro centrale, dal quale uscirà il fumo della fiammella. Si possono anche fare degli intagli in altre parti della calottina per amplificare l'effetto della luce della fiammella.

Immagine

Con un pezzettino di spago da cucina si fa uno stoppino e si impianta su un pezzettino di buccia, residuo dell'intaglio, e lo si depone al centro dell'altra calottina (che dovrà essere perfettamente integra).
Si versa dentro un poco d'olio d'oliva e si accende lo stoppino.

Immagine


Immagine 

Si chiude con la calottina intagliata e si pone il lumino sopra un piattino o un piccolo vassoietto di metallo.

Immagine 

Immagine

La lucina durerà per parecchi minuti, anche una bella mezz'ora, a seconda di quanto olio avrete messo. Controllare spesso, però, che non bruci troppo il buchino della calottina superiore (eventualmente lo potete fare anche più largo).

 Immagine


 Immagine

 Immagine

L'effetto è magico...una luce calda e profumata di agrumi, che sempre - ogni volta che li faccio - mi fa ritornare indietro, indietro nel tempo, a taaaaanti anni fa.

Immagine


Immagine

Luminarie casalinghe, con foglie e bacche ...


Immagine 


Immagine 



Immagine  


Immagine


L'anno scorso, ad una fiera, ho trovato degli strani aggeggi di plastica che, messi a galleggiare sull'olio di semi e dotati di stoppino (fatto cun un pezzettino di carta scottex), si trasformano in una lucina ad olio che dura parecchie ore, a seconda dello strato di olio che avremo messo. 

Ma messo dove, direte voi?

Ecco qua la spiegazione:

si utilizza un qualsiasi contenitore, di vetro, di ceramica, di metallo...qualsiasi contenitore che possa contenere dell'acqua, sulla cui superifice verrà versato uno strato d'olio di semi. Sopra l'olio si deposita "lo strano aggeggio"

Immagine

Per queste foto, ho usato dei vasetti di vetro al cui interno avevo messo foglie e bacche prese dal giardino

Immagine

Immagine 

Comunque, ho usato anche dei semplici bicchieri di vetro bianco quadrati al cui interno ho messo dell'acqua colorata (con i coloranti alimentari)...anche in questo caso l'effetto cromatico abbinato alla luce della fiammella ha dato uno splendido risultato. 
Sull'olio si può anche versare qualche goccia di olii essenziali...l'aroma si diffonderà per tutta la casa!

Anche in un semplice vaso trasparente, con decorazioni in rilievo, l'effetto è assicurato

Immagine


Immagine 

Arriva adesso il periodo in cui mi piace moltissimo accendere una lucina ad olio, in casa, al calar del sole, che mi accompagni verso la sera e poi la notte, creando una dolce e calda atmosfera...che sa di autunno e poi d'inverno e che riscalda il cuore e la mente! 

Immagine
Ecco le foto dell'aggeggino di plastica, il "porta stoppino", che si mette a galleggiare sull'olio di semi:

Immagine  

Immagine 

per chi fosse interessato, questo è l'indirizzo ed il nr. di tel. della ditta che li produce e commercializza:

Immagine

la scatola:

Immagine

come si può notare, hanno delle scanalature che favoriscono l'affluire dell'olio verso lo stoppino. Lo stoppino non è nient'altro che un pezzettino di carta scottex, delle dimensioni di 3 x 3 cm, arrotolato su se stesso.  
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...